Rifiuti: Celli (civica), per Mite ordinanza su discarica Albano inefficace, da Raggi pessima figura

Roma, 16 lug – (Nova) – “La sindaca Raggi ne fa una e ne sbaglia due. Sui rifiuti, l’ordinanza che ha firmato per la riapertura della discarica di Albano Laziale è inefficace e serve un ulteriore atto con la deroga ambientale”. Lo dichiara in una nota la capogruppo in Campidoglio della lista civica RtR, Svetlana Celli.

“E’ lo stesso Ministero della transizione ecologica a invitare la Raggi a emettere un’ulteriore ordinanza per il cambio dell’Autorizzazione integrata ambientale, senza la quale l’invaso di Albano non può accogliere i rifiuti di Roma – aggiunge Celli -.

Ancora tempo perso dalla Sindaca, quando avrebbe potuto ascoltare fin da subito i suoi colleghi dei Comuni metropolitani ed evitare questa brutta figura al tavolo ministeriale. Non può ignorare neppure l’ordine del giorno approvato ieri in Aula, che chiede di individuare l’area entro i confini romani.

Purtroppo la discarica di servizio si rende necessaria dopo i risultati di cinque anni di errori che hanno invertito i dati sul riciclo, con una diminuzione che pesa enormemente sulla mole di rifiuti indifferenziati e che insieme alla carenza cronica di impianti sta mettendo in ginocchio la capitale, ormai da cinque anni in difficolta organizzativa e strutturale.

Non bastassero i rimproveri eleganti del premier Draghi sulla cura ordinaria della città, arriva anche il rimprovero ministeriale.

La sindaca Raggi continua il suo percorso finale a ostacoli, tra una pessima figura e l’altra”, conclude Celli.

Rispondi