La Terza età, Risorsa da Valorizzare

Le attuali statistiche ci rappresentano una città particolarmente “anziana”, infatti la fascia della popolazione compresa tra i 65 e i 95 anni, pari a 630.000 individui rappresenta il 22 % dei residenti romani.

Appare quindi evidente, come il ruolo degli anziani all’interno del tessuto sociale cittadino sia tutt’altro che marginale e per questo necessita di politiche attive finalizzare a rispondere al meglio alle loro esigenze prevalentemente di salute, socialità, attività culturali e gestione del tempo libero.

In questo contesto, la rete dei CSA, con i circa 154 Centri Anziani e con oltre 90.000 iscritti, rappresenta una prima forma di contrasto alla solitudine della terza età, e costituisce un reale presidio territoriale capace di incanalare politiche di invecchiamento attivo e in salute.

Volontariato, relazioni sociali, formazione continua, educazione alimentare, hobby, turismo, arte, attività culturali, possono contribuire in maniere sostanziale al benessere degli anziani.

Occorre una nuova regolamentazione capitolina di settore, che, prendendo spunto dalle nuove linee guida approvate dalla Regione Lazio, e dal Codice del Terzo Settore, sappia coniugare le necessità sociali di una categoria fragile a quelle di modernizzazione amministrativa.