fbpx

In Campidoglio la terza edizione del Premio Roma Rose

da | Mar 7, 2024 | Eventi | 0 commenti

Sono davvero felice ed emozionata. RomaRose è un premio con il quale diamo merito a tutte le donne che sono riuscite a farcela e che sono un esempio per le più giovani. Nella sala della Protomoteca in Campidoglio, sono state ben 19 le donne premiate nel corso della terza edizione di “RomaRose – Non solo 8 marzo”, ormai tradizionale evento organizzato dalla Presidenza dell’Assemblea Capitolina per premiare le donne che si sono distinte nelle loro diverse professioni.

Questo è un evento cresciuto negli anni, per le donne che non hanno mai mollato. Quest’anno inoltre siamo state accompagnate da tanti uomini per dare il messaggio importante, ovvero che la battaglia per le donne va fatta tutti assieme. L’8 marzo è tutti i giorni, e io sono orgogliosa degli esempi che abbiamo dato noi dell’amministrazione, in prima persona, cambiando il regolamento dell’Assemblea Capitolina. Permettendo alle consigliere mamme di partecipare alle sedute da remoto, creando uno spazio per l’allattamento e presentando una proposta di delibera perché ci sia anche per le cittadine in tutti gli uffici pubblici. Sostengo che la donna non sia una quota rosa ma vada riconosciuta per il merito e l’impegno che mette in campo.

Le premiate di Roma Rose

La cerimonia è stata presentata dalla giornalista Monica Marangoni. I riconoscimenti sono stati conferiti a Margherita Cassano, presidente Corte Suprema di Cassazione; Ilaria Capua, virologa; Lavinia Biagiotti, stilista; Pina Traini, giornalista Sala Stampa Vaticano. Annamaria Tribuna, maggiore pilota Aeronautica militare; Olivia Tassara, responsabile eventi Ferrovie dello Stato; Michela Ponzani, docente storia contemporanea e conduttrice tv; Anna Tatangelo, cantante; Barbara Marinali, presidente Acea.

Ed ancora: Maria Stella Giorlandino, presidente Fondazione Artemisia; Simona Rolandi, giornalista Rai; Eleonora Di Cocco, illusionista; Veronica Nicotra, segretario generale Anci; Iside Castagnola, Corecom Lazio. Marta Filippi, doppiatrice/attrice; Paola De Marinis, imprenditrice; Caterina Bellandi, tassista che accompagna in ospedale bambini che hanno bisogno di cure; Andreea Stefanescu, 1° aviere scelto A.M, atleta ginnasta; Federica Pucciariello, cuoca.

Hanno dimostrato che con passione, entusiasmo, studio, competenza, capacità, abnegazione, senso del dovere è possibile raggiungere qualsiasi traguardo. Questo appuntamento è anche così un’occasione per riflettere sulle tante conquiste fatte e su tutto ciò che ancora possiamo e dobbiamo fare tutti insieme per donne libere e per il rispetto dei loro diritti in ogni parte del mondo, in un momento storico difficile e ostile.

Le parole del Sindaco

L’impegno a riconoscere l’indipendenza delle donne deve partire prima di tutti da noi uomini, per avere una città e un Paese migliori. Questo premio cresce e voglio ringraziare la presidente Celli per averlo voluto e per l’impegno nel promuoverlo. Siamo tutti chiamati a una rivoluzione copernicana per l’indipendenza delle donne, non siamo ancora e non siamo abbastanza una città e un Paese delle donne. C’è ancora una difficoltà degli uomini ad accettare l’indipendenza delle donne, l’eccellenza che le donne esprimono in tanti campi. Bisogna rovesciare il punto di vista, e dobbiamo iniziare noi uomini, in prima persona, per consentire alle donne di esprimere se stesse.

Rivivi la Prima e la Seconda edizione di Roma Rose

Leggi le altre notizie del blog

Scritto da Emanuele Forlivesi

0 Comments

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *